CONFEDERAZIONE CACCIATORI TOSCANI

Federcaccia - Arci Caccia - Anuu

News Locali

ATC PISTOIA "NIDI ARTIFICIALI” UN PROGETTO PILOTA PER IL PADULE

Porre fine alle frequenti distruzioni dei nidi di Germani Reali ed altre specie di uccelli acquatici nel periodo Primavera –Estate: con questo obiettivo il Comitato di Gestione A.T.C. Pistoia ha varato il progetto pilota “Nidi Artificiali” nel cratere palustre.

Leggi tutto...

PADULE DI FUCECCHIO, OPERAZIONE PULIZIA

Una flotta di barchini mobilitata dai cacciatori di Terra Nostra Unita ha dato vita ad un intervento di pulizia del Padule: “Più che una pulizia del Padule sembrava lo sbarco in Normandia” commenta in una nota l’Associazione che ha coinvolto anche semplici cittadini, amanti della natura e sensibili all’obiettivo di restituire dignità ad una risorsa ambientale di grande pregio come il  Padule di Fucecchio.

Leggi tutto...

I CACCIATORI DEL CHIANTI PER I TERREMOTATI

Hanno risposto con passione ed entusiasmo i cacciatori chiantigiani all’appello in favore dei terremotati, lanciato dal comune di Castellina in Chianti già nello scorso agosto. Un invito a raccogliere fondi a favore delle popolazioni terremotate dell’Abruzzo che le Associazioni Venatorie di Castellina in Chianti, Federcaccia e Arcicaccia, insieme ad altre associazioni locali, hanno sottoscritto lavorando di buona lena per la riuscita di eventi e iniziative.

Leggi tutto...

I Link

ASSOCIAZIONI VENATORIE

Federcaccia Toscana
Arcicaccia Toscana
ANUU
   Associazione dei Migratoristi Italiani
ANLC
    Associazione Nazionale Libera
    Caccia - Toscana

EnalCaccia Toscana
Italcaccia Toscana

AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA
ATC Arezzo
ATC Firenze-Prato
   (Sottoambito 4)
ATC Firenze-Prato
   (Sottoambito 5)
ATC Grosseto
ATC Livorno
ATC Lucca
ATC Massa Carrara
ATC Pisa
ATC Pistoia
ATC Siena

 

ASSOCIAZIONI AGRICOLE

Federazione Coldiretti
   Toscana
Confederazione Italiana
   Agricoltori
Confagricoltura Toscana

 

ISTITUZIONI

Regione Toscana
Ministero delle politiche
   agricole alimentari e forestali

 

VARIE

URCA - Unione Regionale
   Cacciatori dell'Appennino

“Dare all’Arci Caccia tutto il tempo necessario per studiare, capire e decidere”: è questa la decisione assunta dall’Assemblea della Confederazione Cacciatori Toscani che ha preso atto dei problemi presenti in questa Associazione ed ha ritenuto fondamentale offrire una chance per recuperare un rapporto fattivo e di convinta adesione al progetto unitario.
Un approccio finalizzato a ricostituire un rapporto di fiducia, dopo che l’Arcicaccia, rappresentata in Toscana dal Presidente Nazionale Sorrentino dopo le dimissioni del gruppo dirigente regionale, aveva deliberato con proprie circolari, di soprassedere agli impegni statutari e associativi previsti dalla Confederazione.  Nell’attesa che il chiarimento interno all’ARCI possa svolgersi, in un clima di serenità e con la dichiarata massima disponibilità della CCT, al fine di assicurare l’operatività e lo svolgimento della regolare attività della Confederazione, l’Assemblea al termine di un approfondito confronto, ha deliberato  una temporanea sospensione all’Arcicaccia Toscana.
“Non è un rottura e non è un divorzio. E’ una scelta di rispetto reciproco; verso l’Arcicaccia – ha spiegato il segretario della CCT Marco Romagnoli – che ha bisogno di tempo per decidere; una scelta di rispetto verso il diritto e il dovere della CCT di sviluppare liberamente le proprie attività per la caccia in Toscana”.  


Nelle foto il tavolo della Presidenza - Da sx il segretario legale rappresentante della CCT Marco Romagnoli, Sergio Sorrentino (Presidente nazionale Arci Caccia), Franco Bindi (Presidente Anuu – Migratoristi Toscana) Moreno Periccioli (Presidente Federcaccia Toscana)


Un ampio resoconto delle tante iniziative svolte dalla Confederazione è stato presentato con un power point che i cacciatori possono scaricare da questo sito. Un bilancio positivo che ripercorre le tappe salienti dal confronto politico e sui programmi che ha caratterizzato da subito il percorso unitario delle Associazioni aderenti. Una storia che dà poi conto della nascita della Confederazione sul territorio, della messa a punto di strumenti per sostenere la gestione e ancora delle tante cose fatte per rappresentare le ragioni dei cacciatori in Toscana, in Italia ed in Europa, promuovendo al contempo una nuova immagine del mondo venatorio. La  miriade di iniziative che ha poi fatto da contrappunto a questi tre primi anni di vita sono adesso riassunte nella presentazione “UNITA DEL MONDO VENATORIO – LAVORI IN CORSO”. Nel corso dell’assemblea è stato poi approvato formalmente il bilancio consuntivo 2016 ed è stata fissata per il 22 di aprile una nuova seduta dedicata alla messa a punto dei programmi e delle iniziative per la prossima fase.

Firenze, 10 aprile 2017

Allegati:
Scarica questo file (CCT presentazione.pdf)CCT presentazione.pdf[ ]783 kB


Un passo avanti verso la casa di tutti i cacciatori toscani: lo ha deliberato all’unanimità l’Assemblea della Confederazione dei Cacciatori Toscani (Federcaccia, Arcicaccia e Anuu della Toscana) che ha aperto le porte, con la modifica dello statuto, all’adesione non più solo di realtà associative ma anche dei singoli cacciatori. “Il nostro progetto fa oggi un decisivo passo in avanti - ha spiegato introducendo i lavori a nome della presidenza Moreno Periccioli. “Siamo nati per unire – ha proseguito - per mettere in campo maggiori energie e risorse più ingenti di uomini, mezzi ed idee, per rappresentare al meglio le ragioni della caccia e farle valere attraverso un più elevato livello di unità. Alla base del processo unitario ci sono adesso, a dare forza e nuovo slancio, anche l’esperienza, le battaglie ed i progetti di questi tre anni di vita comune”.
Tra le azioni di questi anni la CCT ricorda la denuncia presentata al Tribunale Europeo per ottenere un trattamento egualitario dei cacciatori italiani rispetto ai colleghi degli altri Paesi dell’Unione: “Non è tollerabile - sostiene la Confederazione - che l’Europa stabilisca, senza alcun fondamento scientifico, tempi diversi di migrazione e dunque di caccia fra Nazioni confinanti per le medesime specie. Una iniziativa importante per far valere, oltre ai doveri quotidianamente osservati dai cacciatori, i loro sacrosanti diritti. L’attività comune rappresenta un patrimonio importante e da cui adesso la CCT parte per una nuova e più avanzata fase in cui l’unità di tutto il mondo venatorio e la costruzione della casa comune dei cacciatori rappresentano l’obiettivo finale”.
Il nuovo statuto, sottolinea poi la CCT, è esplicito e inequivocabile nel disegnare lo scenario ed il perimetro entro i quali la Confederazione continuerà ad operare: “La CCT”, recita lo statuto nelle finalità, “opera per l’unità dei cacciatori Italiani all’interno delle Associazioni Venatorie Nazionali riconosciute cui le Associazioni Venatorie Regionali della CCT aderiscono”.
Nessuna ennesima, inutile e dannosa nuova associazione che punti a togliere iscritti e rappresentanza alle Associazioni Nazionali, dunque, ma al contrario un soggetto che lavora proprio per accelerare il percorso che porti all’unità “all’interno” delle Associazioni Nazionali di riferimento.
Uno scenario, commenta infine la Confederazione, che rende decisamente incomprensibili polemiche e forzature operate nel vano e deleterio tentativo di rallentare un cammino che appare necessario ed indispensabile per chiunque abbia realmente a cuore il futuro migliore per la caccia e per i cacciatori.

Firenze, 28 febbraio 2017

 Confederazione Cacciatori Toscani
(Federcaccia – Arcicaccia – ANUU)

“Svolta storica”: così la Confederazione Cacciatori Toscani definisce, in un’ampia ed articolata nota, la “conversione” dell’'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e del Ministro Galletti, in ordine alla nota questione dei calendari venatori e della pretesa di vedere anticipata la chiusura della caccia alle specie migratorie (beccaccia, cesena, tordo bottaccio).
Con una lettera ufficiale (prot. n. 1288 del 17 gennaio, inviata alla Regione Sardegna, che qui si pubblica), il Ministro dà notizia che l’ISPRA, dopo ben 15 anni dall’invio alla Commissione Europea dei primi dati (Key Concepts) italiani, su cui si basano i giudizi europei in merito ai calendari italiani ma palesemente incongrui rispetto agli altri Stati membri e mai adeguatamente aggiornati, evidenzia l’esigenza prioritaria di un’analisi scientifica della situazione su scala geo-politica “transnazionale”. Un approccio che ricalca istanze e formali atti di diffida rivolti al Ministero dell’Ambiente, alla Commissione Europea fino alla coraggiosa proposizione dinanzi al Tribunale dell’Unione Europea di una vertenza, tuttora in fase istruttoria.
Decisamente incomprensibile a questo punto, sostiene la nota,  l’invito rivolto dal Ministro Galletti alle regioni – che la Toscana ha prontamente respinto mantenendo le date previste dal calendario venatorio-  ad anticipare la chiusura della Caccia: un invito fondato su dati che  lo stesso Ministro e Ispra  ritengono non attendibili.

Allegati:
Scarica questo file (1Nota CCT.pdf)Nota CCT[ ]41 kB
Scarica questo file (2Lettera Ministro Galletti.pdf)Lettera Ministro Galletti[ ]143 kB

Nei giorni scorsi è circolata con insistenza, sino ad indurre una Associazione venatoria a diffondere una nota perentoria al riguardo, la notizia di un provvedimento della Regione Toscana che avrebbe deciso di chiudere la caccia nei giorni 18 e 19 gennaio. La Confederazione Cacciatori Toscani si è immediatamente attivata presso le sedi istituzionali per riaffermare che non vi erano ragioni fondate per un provvedimento di tal fatta e per sollecitare un chiarimento che dissipasse il clima di incertezza e di allarme determinatosi tra i cacciatori. “Falsi comunicati chiusura caccia in Toscana 18 e 19 gennaio” è il titolo della mail diffusa dalla Regione per dissipare definitivamente ogni dubbio e smentire l’improvvida comunicazione diffusa in merito. “Si precisa che la Regione non ha emesso alcun atto in tal senso. Non abbiamo al momento notizie – termina la secca smentita proveniente dai competenti uffici – circa l’eventuale chiusura ad alcune specie migratrici da parte del Ministero”.

Firenze, 17 gennaio 2017

 Confederazione Cacciatori Toscani
(Federcaccia – Arcicaccia – ANUU)

Caccia in cattedra e in cucina

Compleanno CCT

Presentazione CCT

Spot CCT

Accesso Utenti

Confederazione Cacciatori Toscani  -  Via dei Banchi 6 - 50123 Firenze

Cod. Fiscale 94235190488 - confcacciatoritoscani@gmail.com