Facebook

A quando l’approvazione del Calendario venatorio 2019/2020 della Regione Toscana?

E’ questa la domanda che da settimane ci sentiamo rivolgere dai cacciatori che giornalmente incontriamo nella tante iniziative sul territorio o che semplicemente ci contattano sui social network. Un malumore neppure troppo celato che naturalmente serpeggia poiché, quest’anno, il ritardo sull’approvazione del testo appare davvero ingiustificabile. Vero è che abbiamo ancora alle spalle una fase molto delicata, e ancora non conclusa, incentrata sui ricorsi prima al TAR e poi al Consiglio di Stato, presentati dalle associazioni ambientaliste ed animaliste sul precedente calendario venatorio. Certamente tutto ciò non giustifica il passare delle settimane in attesa dell’approvazione di uno strumento, come appunto il calendario venatorio regionale, basilare per affermare la certezza del diritto ai cacciatori che hanno deciso o decideranno di rinnovare e pagare le relative tasse e concessioni.

Dalle ultime notizie a noi pervenute, sembra probabile che la prossima settimana, finalmente il calendario regionale 2019/2020 sarà approvato dalla Giunta Regionale.

Un ultimo confronto con le organizzazioni e le Associazioni Venatorie è stato convocato allo scopo dall’Assessore Marco Remaschi per il prossimo venerdì 19 luglio.

Per quanto ci riguarda, le proposte da tempo presentate e formalizzate rimarranno invariate. Non solo; vogliamo anche e da subito chiarire che non saranno ritenute accettabili eventuali proposte di riduzione di alcune specie cacciabili che pare siano oggi nel limbo a seguito della Circolare del Ministero dell’ Ambiente alle Regioni. Il nostro riferimento va naturalmente alle specie Moriglione, Pavoncella e da qualche indiscrezione e rumor al Combattente. Nessuna motivazione tecnico scientifica sarebbe giustificabile per tale eventuale decurtazione dall’elenco delle specie cacciabili.
Come noto, per Moriglione e Pavoncella lo stesso Ispra ha disposto, con parere scritto, che tali specie possano essere cacciabili semplicemente con eventuali riduzioni o limitazioni di carniere. Per la specie Combattente infine, ricordiamo come il calendario venatorio della Regione Toscana abbia da tempo stabilito limitazioni sia temporali che di carniere.

Inoltre, ma non di minore importanza, per la caccia al Cinghiale la nostra posizione rimane ferma ed invariata: no ad artifizi e assoluta contrarietà a conflitti tra varie forme di caccia.

Questi ed altri temi come il carniere annuale di 100 capi per la specie Allodola, il mantenimento della data al 31 gennaio per la Beccaccia, Colombaccio, Turdidi etc. saranno nuovamente evidenziati al Tavolo di confronto previsto venerdì, con la speranza di giungere ad un risultato condiviso ed in linea con gli impegni assunti  in seno alla recente Conferenza Regionale sulla caccia.

A tale proposito, vogliamo ricordare come il lavoro di approfondimento e di analisi che la Confederazione Cacciatori Toscani sta portando avanti sui singoli argomenti, si sta materializzando in questi giorni con una serie di iniziative di alto profilo tecnico-scientifico oltrechè politico.

Ricordiamo infatti che a Capannoli (PI) il prossimo venerdì 26 luglio si terrà un importante Convegno che avrà come focus la piccola selvaggina stanziale e le sfide sulla nuova Politica Agricola Comunitaria (PAC).

Inoltre, sulle tematiche inerenti l’avifauna migratoria, i calendari venatori e l’importante lavoro che si sta sviluppando a Bruxelles sulla revisione dei Key concepts, si terrà un prezioso confronto nel convegno promosso dalla Federcaccia di Pistoia venerdì 19 luglio a Casalguidi (PT). In quella sede il Dott. Michele Sorrenti responsabile Ufficio Migratoria Federcaccia Nazionale, ci aggiornerà sulle ultime novità relative alla revisione dei Kc.

Due appuntamenti da non mancare;  Vi aspettiamo numerosi! 

Di seguito scaricabili i volantini delle iniziative:

A Capannoli un importante convegno su Caccia e Agricoltura

A seguito delle determinazioni scaturite dalla recente conferenza Regionale sulla caccia, inizia il lavoro di approfondimento sulle varie problematiche, che dovranno poi essere affrontate in vista della stesura del nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale. In particolar modo per quanto riguarda la gestione della piccola selvaggina stanziale, occorre un salto di qualità che porti a rifondare un nuovo rapporto e una nuova alleanza tra caccia e agricoltura.

Il nuovo PSR delle Regione Toscana (Piano di Sviluppo Rurale 2021-2027), che seguirà alla riforma della nuova PAC (Politica Agricola Comunitaria) rappresentano la nuova frontiera di questa possibile intesa, basata sulla produzione di biodiversità e di misure collegate alle pratiche agronomiche, che potrebbero davvero fare la differenza per ricostituire condizioni ottimali per le specie interessate.

Questi ed altri argomenti saranno affrontati nel convegno promosso dalla CCT di Pisa con il patrocinio del comune di Capannoli, dove oltre alle relazioni tecniche, si aprirà un confronto tra cacciatori, agricoltori ed istituzioni sui temi fondamentali per la gestione del territorio.

Da evidenziare in questo senso la partecipazione di Marco Remaschi, Assessore Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Toscana e del Presidente Regionale della Coldiretti Toscana Fabrizio Filippi. Gli interventi di Marco Salvadori (Presidente Regionale Federcaccia Toscana), Francesco Rustici (Presidente Regionale ARCT) e di Marco Romagnoli (Segretario CCT), porteranno nel confronto il punto di vista del mondo venatorio, impegnato nel rilancio delle prospettive gestionali in Toscana attraverso l’autorevolezza di un forte soggetto unitario.

Quella di Capannoli non è che una delle tante iniziative che nelle prossime settimane la CCT e le sue associazioni confederate svilupperà sul territorio, l’obbiettivo è quello di informare i cacciatori e dare forza e sostegno alle proposte utili e necessarie per riconsegnare prospettiva ed autorevolezza alla caccia in Toscana.

Di seguito scaricabile il volantino dell' iniziativa:

Allegati:
Scarica questo file (Convegno Capannoli.pdf)Convegno Capannoli.pdf[ ]966 kB

Segnaliamo che nel numero di Luglio della rivista Sentieri di caccia già in questi giorni in edicola, è pubblicato un interessante articolo inerente il percorso unitario e l’esperienza sviluppata dalla Confederazione Cacciatori Toscani.

Nelle pagine curate dalla Confederazione che da anni collabora con la più prestigiosa delle riviste di settore, sono stati riportati i passaggi più importanti e significativi dell’ Assemblea Regionale della Federcaccia Toscana e del passaggio di testimone tra Moreno Periccioli Presidente uscente e Marco Salvadori nuovo Presidente eletto.

 La passione per i pensieri lunghi è il titolo sotto il quale si ripercorrono le tappe principali del comune lavoro svolto dalla nascita della CCT e le sfide che ci attendono per il futuro.

La Federazione Associazioni Toscane Fiere Ornitologiche (FATFO) aderisce alla Confederazione Cacciatori Toscani.

La grande famiglia della Confederazione Cacciatori  Toscani si allarga ad una nuova ed importante adesione.
Lo scorso 26 giugno la Presidenza della Confederazione ha deliberato la richiesta di adesione presentata dalla Federazione Associazioni Toscane Fiere Ornitologiche (FATFO).

La richiesta, pervenuta a seguito dei deliberati della FAFTO, è stata accolta con soddisfazione dal Segretario CCT Marco Romagnoli.

La FAFTO rappresenta i vari comitati promotori  delle più importanti Fiere ornitologiche che si svolgono in Toscana.
L’Associazione, aderente alla CONFU (Confederazione Ornitologica Nazionale Fiere Uccelli) a livello nazionale, ha come finalità principale oltre che al supporto organizzativo delle varie realtà fieristiche affiliate, alla promozione e recupero della tradizione legata alla conoscenza ornitologica.

Un’importante esperienza e un contenitore culturale unico vanno pertanto a rafforzare il patrimonio oggi racchiuso nell’esperienza della CCT.
Una rappresentanza di uno spaccato di cultura venatoria e di tradizione, porterà il suo contributo al grande progetto di costituzione della casa comune di tutti i cacciatori e di tutti coloro che hanno a cuore le tradizioni e la cultura rurale.

 La difesa della caccia e la salvaguardia delle nostre tradizioni centenarie, passano solo dalla concretizzazione del progetto unitario.
Una adesione convinta quella della FAFTO che dimostra  come oggi la convinzione di “far sistema” sia ormai una certezza per chi davvero vuole bene alla caccia ed al suo futuro.

Oggi al via a Braccagni la Conferenza Regionale sulla caccia indetta dall’ Assessore all’ Agricoltura Marco Remaschi. Dopo 10 anni, l’appuntamento di oggi rappresenta un punto di partenza fondamentale in vista della stesura del nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale oltrechè per tracciare le principali direttrici per le future scelte amministrative, politiche e gestionali per i prossimi mesi.

L’obiettivo è chiaro, rilanciare il modello toscano attraverso un percorso condiviso con i maggiori stakeholder. I lavori preparatori della Conferenza hanno consentito di enucleare le principali criticità ma anche le nuove sfide che attendono la caccia in Toscana.

Chiaro il segnale politico emerso dall’intervento dell’ Assessore Remaschi durante la mattinata: “Aprire una nuova fase ed uscire da questo appuntamento con un percorso condiviso”.  Un chiaro segnale che traccia la volontà della Regione Toscana di invertire la rotta con l’intento di recuperare un dialogo costruttivo che da troppo tempo è mancato tra istituzioni e corpi intermedi e che ha causato nel corso di questi anni non poche problematiche sugli aspetti della gestione faunistico – ambientale .

Una valutazione politica che la Confederazione Cacciatori Toscani accoglie con favore e senso di responsabilità, consapevole delle sfide che ci attendono e del contributo costruttivo che la CCT potrà apportare per il superamento delle criticità che condizionano l’attività venatoria e la gestione faunistica.

Dopo la conclusione dei lavori della mattinata e le varie relazioni tecniche ,è seguita la conferenza stampa presentata dall’ Assessore Remaschi con i Presidenti regionali delle Associazioni Venatorie presenti ai lavori.

La voce della Confederazione Cacciatori Toscani è stata rappresentata con autorevolezza dagli interventi di Marco Salvadori, Presidente Regionale di Federcaccia Toscana e Francesco Rustici, Presidente Regionale dell’ Associazione Regionale Cacciatori Toscani, anticipando i principali contenuti di analisi e proposte che la CCT ha presentato organicamente nella sessione pomeridiana dei lavori.

In particolare è stato sottolineato come sin da subito si debba dare seguito alle parole e passare ai fatti, iniziando già dalla prossima settimana un lavoro comune producendo interventi normativi puntuali e concreti.

Il Presidente della Federcaccia Toscana Marco Salvadori, intervenendo a nome delle Associazioni Confederate alla CCT, ha affrontato le principali tematiche in discussione:

- “Auspichiamo soprattutto che la politica e i suoi rappresentanti riacquisiscano la centralità nelle scelte di governo. E’ un loro dovere nei confronti degli elettori e dei portatori di interesse; la concertazione dovrà pertanto rappresentare la prassi per il futuro nella rispettiva assunzione delle responsabilità che ci competono.

Ci siamo messi a disposizione per senso di responsabilità e per ritrovare lo spirito comune che da sempre ha innervato l’esperienza toscana dando vita ad un modello di gestione faunistico-venatoria che purtroppo sembra essere stato perduto.

Uscire dall’angolo diventa vitale; occorre riflettere non solo per le necessarie scelte che possiamo fare ora e subito in Toscana, ma anche per l’ambizione di portare un contributo autorevole e condiviso per impostare le necessarie riforme legislative a livello nazionale ed in Parlamento.

Un progetto per la Toscana significa però rimodellare il profilo della caccia; rafforzare il rapporto con la società, fare centro sulla scienza e riorganizzare una governance funzionale e coordinata tra i vari luoghi della decisione: Regione, territori e ATC.

Occorre pertanto mettere in sinergia gli uffici territoriali della regione rafforzando allo stesso tempo il ruolo degli ATC ripensandone la struttura e la loro dislocazione sul territorio.”

Forte il richiamo di Salvadori sul Nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale – “Necessario superare i ritardi sino ad oggi registrati per giungere da subito all’adozione dei nuovi criteri ed indirizzi di Piano univoci, su cui attenersi scrupolosamente nella fase di individuazione, costituzione e trasformazione degli istituti faunistici pubblici e privati. No ad una serie di procedure a stralcio!”

Un nuovo patto tra cacciatori ed agricoltori come base essenziale per la gestione faunistica.

La modifica della PAC apre una nuova prospettiva, occorre lavorare alla definizione delle strategie che la Regione porterà in campo con il nuovo Piano di Sviluppo Rurale e come prevedere misure innovative destinate all’impresa agricola multifunzionale ed all’ ATC per generare biodiversità sul territorio.

Gestione degli Ungulati – “si chiude l’esperienza della legge Obiettivo e del conflitto tra forme di caccia. Si chiude definitivamente l’equivoco tra l’attività di caccia e quella di controllo. Oggi si propongono problemi nuovi da affrontare, forte differenziazione tra i vari territori e le varie realtà toscane. Occorre passare da una impostazione di tipo emergenziale ad una gestione differenziata per territori organizzata e pianificata dagli ATC.

Infine riteniamo indispensabile che la Regione Toscana riconsideri la necessità di dotarsi di un riferimento scientifico autorevole per evitare che l’ISPRA continui a svolgere, come spesso accaduto anche sul calendario venatorio (che oggi deve essere difeso garantendo la certezza del diritto) e per gli ungulati, un ruolo più politico che tecnico-scientifico.”

Domani aprono i lavori della Conferenza Regionale sulla Caccia promossa dalla Regione Toscana e dall’ Assessore Marco Remaschi presso il centro Fiere del Madonnino – Braccagni (GR).

Una due giorni di dibattito e confronto con i vari stakeholder, associazioni e categorie che si concluderà sabato 29 giugno con la presentazione di un documento conclusivo della Conferenza. Una sintesi che traccerà i principali contenuti su cui incentrare il lavoro nei prossimi mesi.

L’obiettivo principale di questo importante appuntamento fortemente voluto anche dal presidente della Giunta Regionale Enrico Rossi è quello di ristabilire attraverso un costruttivo confronto con tutti i soggetti interessati, comuni intenti per rilanciare il modello toscano della buona gestione faunistica ed ambientale e di un ritrovato impegno per un attività venatoria in sintonia con la sostenibilità ambientale ma anche con le esigenze del comparto agricolo.

Di seguito scaricabile il programma dei lavori:

Domenica 23 giugno, presso L’Area Addestramento Cani di Poggio Al Fornello Loc. Valli in Comune di Follonica, gestita egregiamente dalla C.C.T. di Follonica con apposita commissione, la quale è coordinata dall’infaticabile Marco Ranieri, si è svolta la fase finale del Campionato Regionale C.C.T. per cani da seguita su cinghiale, categoria singolo. Tale manifestazione è stata l’epilogo delle varie selezioni che si sono svolte in tutte le provincie della Toscana, tramite i vari Campionati Provinciali, i quali hanno visto partecipare oltre 240 soggetti complessivi, tra costoro, venti, espressione delle provincie di Arezzo, Firenze, Grosseto, Pisa e Livorno, hanno acquisto i titoli per partecipare alla fase di semifinale.

Suddetta fase si è svolta nei giorni 9-10-15-16 giugno con 5 turni per giornata, il risultato finale, espressione della attenta e preparata giuria composta da Avelio De Sanctis, Marco Ranieri, Marcello Bellini, Mauro Poli, Claudio Spadaccini aiutata in campo dai collaboratori Massimo Albonetti, Luca Capanni e Alberto Capanni, ha visto i seguenti cinque conduttori pregiarsi di poter partecipare alla Finale programmata il giorno 23 giugno nella stessa area addestramento:

Vaghetti Andrea conduttore di Pasqualino, segugio maremmano, Ramano Cristian conduttore del S. Maremmano Poldo, Falossi Luca conduttore di Montopoli S. Maremmano, Casciani Danilo pure conduttore del S. Maremmano di nome Speriamo e infine Casati Donatello con Sansone pure esso S. Maremmano.

I cinque soggetti sopra menzionati, il giorno 23 giugno, hanno dimostrato di avere tutti le prerogative per diventare campione regionale alle competenze dei giudici disegnati Sigg. Ranieri Orsini, Claudio Sozzi e Marco Ranieri aiutati in campo da Alberto Capanni e Massimo Albonetti i quali, dopo aver sentito le loro qualità tecnico venatorie, hanno redatto la seguente classifica:

Primo Classificato Pasqualino di Vaghetti Andrea

Secondo Classificato Poldo di Romano Cristian

Terzo Classificato Montopoli di Falossi Danilo

Quarto Classificato ex equo Speriamo di Casciani Danilo

Quarto classificato ex equo Sansone di Casati Donatello

Al termine della consegna delle relazioni vi è stato l’applauso dei conduttori verso la giuria per la loro competenza ma soprattutto perché la loro “classifica” coincideva con quella relazionata.

Sabato 22 Giugno presso AAV La Boscaglia a Radicondoli in Provincia di Siena, si è tenuta la finale del campionato Regionale CCT per cani da seguita su cinghiale, categoria Coppie. Al termine di una lunga selezione, che ha visto coinvolti concorrenti provenienti da tutta la Regione, a prevalere su tutti è stato Galeazzi Fabrizio, seguito da Nocentini Giuliano, Cavallini Paolo, MIgliorni Giuseppe e Taddei Jonatan. L’ottima riuscita della manifestazione è stata senza ombra di dubbio merito degli organizzatori e giudici CCT Luciano Razzanelli, Rossi Luciano, Paolo Cappellini, De Sanctis Avelio e Gazzarri Mirko, che hanno gestito tutto al meglio dalle selezioni al concludersi della finale. La sera dello stesso giorno si è anche svolta la premiazione del secondo trofeo CCT Citta’ di Poggibonsi prova per i cani da seguita su cinghiale per le categorie singoli e coppie. Questa bella manifestazione giunta ormai alla sua seconda edizione, che premia i primi due classificati del campionato provinciale CCT per le categorie, anche quest anno si è confermata come una delle più importanti manifestazioni per le categorie su tutto il territorio Provinciale. Per la categoria singoli a vincere il Trofeo è stato Nencini Filippo mentre nelle coppie ha prevalso Bertocci Mario. Tutti i concorrenti si sono complimentati con i giudici e l’organizzazione per l’ottima riuscita della manifestazione. Un grazie Particolare a Lucinao Razzanelli, Rossi Luciano, Rossi Osvaldo e Gazzarri Mirko e Nencini Marco per aver seguito e giudicato tutta la manifestazione dall’inizio alla fine.

Sempre lo scorso weekend, nelle giornate di sabato e domenica, negli splendidi terreni dei Marchesi Antinori all’interno dell’Az. Agr. Guado al Tasso a Bolgheri, si è svolto il primo Memorial CCT dedicato ad Olinto Querci, prova cinofila su starne Liberate. Una manifestazione che è stata un successo sia dal punto di vista organizzativo che in termini di riuscita della prova; oltre settanta cani appartenenti a tutte le categorie giudicati tra sanato e domenica dai giudici CCT Fulvio Bettini e Carpita Carlo. Al termine della manifestazione gli onori di casa sono stati fatti da Stefano Fabiani che dopo aver ringraziato tutti i concorrenti per la loro partecipazione, non ha mancato di elogiare il supporto degli sponsor che hanno seguito l’attività cinofila della CCT locale tutta la stagione, la BCC di castagneto Carducci e la Vittoria Assicurazioni locale. Ha preso poi la parola Pierugo Bettini giudice CCT nonché uno dei coordinatori delle attività locali, che ricordando lo scomparso Olinto Querci, ha richiamato l’attenzione sull’unità del mondo venatorio come necessità improrogabile per la sopravvivenza della nostra passione. Infine ha preso la parola a nome della CCT regionale Matteo De Chiara il quale, nel corso del suo intervento, ha elogiato il gruppo di lavoro della CCT Castagnetana, in assoluto il più giovane e guarnito dell’intera Regione. Niccolo Pipitone, Jacopo Fidanzi, Francesco Creatini, Matteo Biancani, Maurizio Silvestri, Nico Grossini, Valerio Serini e lo stesso Stefano Fabiani, un gruppo di giovani che coordinati dall’immancabile “vecchia guardia” sta’ dimostrando davvero tanto e che siamo sicuri continuerà a stupirci.

Ad aggiudicarsi il trofeo infine è stato Omar Barsacchi con la setter inglese Luce!

Di seguito la classifica completa:

inglesi cacciatori

1° neve s.i GIOMI PAOLO

2°bora s.i BERTINI PAOLO

3° tuono s.i GIOMI PAOLO

4°orzo s.i LORENZELLI DANIELE

5°HELMUT S.I PANCANTI

Inglesi garisti

1° adone s.i BARSACCHI

Continentali cacciatori

1° pongo e.b PESCUCCI ERMINIO

2° hugo e.b LAZZARINI IVO

3° crio e.b SILVESTRI MAURIZIO

4° spidi e.b BIONDI

5° piros e.b MARINAI

Continentali garisti

1° alex e.b GUERRIERI SIMONE

Giovani inglesi

1° luce s.i BARSACCHI OMAR

2°zar s.i MARZO COSIMO

3° india s.i BARSACCHI GIONNI

giovani continentali

1° zac e.b RONCI ALESSANDRO

cerca cacciatori

1° bianca s.sp. FIDANZI NICOLO'

2° nora s.sp D'ONOFRIO REMO

3° tea s.sp BORGHINI GIUSEPPE

4° king s.sp PESCE FABRIZIO

5° lapo s.sp TUCI ETTORE

cerca garisti

1° flint s.sp SARDI GIANCARLO

cerca giovani

1° maggy s.sp BORGHINI GIUSEPPE

Di seguito alcuni scatti delle giornate:

 

Allegati:
Scarica questo file (Casati Donatello.jpg)Casati Donatello.jpg[ ]1964 kB
Scarica questo file (Casciani.jpg)Casciani.jpg[ ]266 kB
Scarica questo file (Falossi.jpg)Falossi.jpg[ ]416 kB
Scarica questo file (Foto 1.jpg)Foto 1.jpg[ ]291 kB
Scarica questo file (Foto 10.jpg)Foto 10.jpg[ ]257 kB
Scarica questo file (Foto 11.jpg)Foto 11.jpg[ ]525 kB
Scarica questo file (Foto 12.jpg)Foto 12.jpg[ ]256 kB
Scarica questo file (Foto 13.jpg)Foto 13.jpg[ ]222 kB
Scarica questo file (Foto 2.jpg)Foto 2.jpg[ ]536 kB
Scarica questo file (Foto 3.jpg)Foto 3.jpg[ ]520 kB
Scarica questo file (Foto 4.jpg)Foto 4.jpg[ ]251 kB
Scarica questo file (Foto 5.jpg)Foto 5.jpg[ ]318 kB
Scarica questo file (Foto 6.jpg)Foto 6.jpg[ ]211 kB
Scarica questo file (Foto 7.jpg)Foto 7.jpg[ ]545 kB
Scarica questo file (Foto 8.jpg)Foto 8.jpg[ ]292 kB
Scarica questo file (Foto 9.jpg)Foto 9.jpg[ ]291 kB
Scarica questo file (Romano Cristian.jpg)Romano Cristian.jpg[ ]251 kB
Scarica questo file (Vaghetti .jpg)Vaghetti .jpg[ ]434 kB

Sabato 8 Giugno presso il Campo di Tiro di Pietratonda, nel Comune di Campagnatico è andata in scena una gara unica nel suo genere e interamente dedicata al tiro a palla. Organizzata dalla Sez. Comunale della Federcaccia di Grosseto in collaborazione con la CCT, l’Associazione di Tiro “Pietratonda” e l’URCA di Grosseto, la prova si è articolata su due specialità: tiro a bersaglio fermo a 100 e 200 metri e tiro alla sagoma del cinghiale corrente. Diverse categorie per l’una e l’altra specialità: canna liscia e canna rigata per il cinghialino corrente e cacciatori (diametro esterno della canna inferiore di 17 mm) e tiratori (diametro esterno della canna superiore di 17 mm) per il tiro a bersaglio fermo. Classifiche finali singole e combinata per il trofeo. Diversi tiratori hanno sparato per tutto il giorno sulle stupende linee di tiro del campo abbellite da bersagli raffiguranti  sagome di animali, offerti da URCA. Cinque colpi per ogni sagoma nelle linee di tiro e quattro colpi al cinghialino corrente.
A metà giornata un lauto pranzo in amicizia offerto dalla Federcaccia di Paganico.
Per Roberto Cicaloni, Presidente della sez. Comunale FIDC di Grosseto, - questa prova è stata il primo atto di quella che, speriamo, diventi un appuntamento fisso per gli anni a venire.-
Come sempre, queste occasioni di aggregazione all’insegna di una passione ci ricordano l’importanza dell’unità del mondo venatorio, unico modo di continuare a ritrovarsi insieme in questi contesti negli anni a venire.
Queste le classifiche del 1° TROFEO COMBINATO DI CACCIA A PALLA

BERSAGLIO FERMO A 100 E 200 METRI

 

Tiratori:

  1. Ciabatti Riccardo
  2. Canuzzi Domentico
  3. Parentini Massimiliano

Cacciatori:

  1. Ciabatti Riccardo
  2. Allegro Marco
  3. Romani Riccardo

CINGHIALINO CORRENTE

Canna liscia:

  1. Senserini Davide
  2. Martini Franco
  3. Scheggi Enrico

Canna rigata:

  1. Netti Giuliano
  2. Capitani Euro
  3. Scheggi Enrico

 

COMBINATA PER IL TROFEO

  1. Romani Riccardo
  2. Ciabatti Riccardo
  3. Senserini Davide

Nella seduta del giorno 17 giugno 2019 la Giunta Regionale ha approvato la delibera n°799 inerente il prelievo in deroga della specie Storno (Sturnus vulgaris) che riportiamo  in allegato.
Anche per quest’anno il prelievo dello storno inizierà già in occasione della pre-apertura e terminerà il 15 dicembre 2019 nelle modalità previste dalla delibera in oggetto.
Il limite massimo di capi prelevabili rimane quello di 100 per l’intero periodo, con un massimo di 20 capi giornalieri.
Ricordiamo a tutti i cacciatori interessati e che praticano questo tipo di prelievo, che i capi abbattuti dovranno essere segnati sul tesserino venatorio regionale e comunicati puntualmente agli uffici competenti nelle modalità previste dalla Regione Toscana, entro il 20 novembre al fine di garantire un accurato monitoraggio del prelievo.
La Confederazione Cacciatori Toscani e le proprie Associazioni confederate rimarranno a completa disposizione per supportare gli adempimenti richiesti ai cacciatori interessati.

Di seguito scaricabile la Delibera:

La Val Tiberina avrà una casa comune dei cacciatori aderenti alle associazioni della Confederazione Cacciatori Toscani.

Marco Romagnoli, segretario della Confederazione, sarà presente,  assieme ai dirigenti locali e provinciali delle associazioni confederate, Sabato 22 Giugno alle ore 11, all’inaugurazione della nuova sede e centro servizi  CCT a San Sepolcro (AR).

Così anche in terra aretina e in una realtà tra le più importanti dal punto di vista faunistico venatorio come la Val Tiberina, la CCT si rafforza in termini organizzativi per la forza del messaggio unitario che vuole rilanciare a tutti i cacciatori.

La caccia ha bisogno di ritrovare una sua dignità sociale per contrastare i crescenti attacchi del fronte animalista e di una politica spesso compiacente con gli anticaccia.

Solo l’unità e una diversa e più qualificata rappresentanza degli interessi dei cacciatori può riconsegnare ai giovani cacciatori e al nostro mondo venatorio un futuro.

In questo quadro di rafforzamento e di crescita, l’appuntamento di S.Sepolcro come altri che si sono realizzati in queste settimane e programmati per i prossimi giorni, rappresenta un ulteriore passo in avanti sulla strada tracciata con coraggio e responsabilità in Toscana dalla Confederazione Cacciatori Toscani.

Di seguito scaricabile il volantino dell'iniziativa:

   

     
  Toscana   Sez. Firenze                                      

     

CEDAF


Clicca l'immagine per accedere al sito

News Locali

CCT: FINALE CAMP. REG. TOSCANO MUTE

Ieri si è svolta la finale del Campionato Regionale Toscano nella categoria muta CCT svolto nel meraviglioso recinto di Casaglia, Pisa.

Giudicata dai Giudici Vannuzzi Ascolo e Ranieri Orsini, delegato Mugnaini Gianfranco
1. Class. con la muta di G. B. V sig. Minicozzi Donato.
2. Class. con la muta di segugi impuri sig. Migliorini Piergiuseppe.
3. Class. con la muta seg. Del Giura Soriano Antoni.

Un ringraziamento alla sez Pisa per l organizzazione della manifestazione e complimenti a tutti i concorrenti per la loro sportività.

Di seguito alcuni scatti della giornata:

 

Allegati:
Scarica questo file (Foto 1.jpg)Foto 1.jpg[ ]145 kB
Scarica questo file (Foto 2.jpg)Foto 2.jpg[ ]213 kB
Scarica questo file (Foto 3.jpg)Foto 3.jpg[ ]170 kB
Scarica questo file (Foto 4.jpg)Foto 4.jpg[ ]78 kB

II° TROFEO CCT DI CACCIA A STARNE CON CAL. 16

Domenica 23 giugno si è tenuto presso la AAV “Modena” in Provincia di Arezzo il secondo Trofeo CCT di Caccia a Starne con il Cal 16. Questa manifestazione, giunta alla sua seconda edizione, è stata svolta in collaborazione con il “Club Calibro 16”, che ha messo a disposizione fucili e cartucce per i concorrenti. La prova infatti prevedeva l’utilizzo, per chi lo avesse voluto, del calibro 16, con premiazione a parte per colui che avesse totalizzato il maggior punteggio a fine gara. Grazie anche alla clemenza del tempo la gara si è svolta nel migliore dei modi.

Leggi tutto...

Sentieri di Caccia


Clicca l'immagine per accedere al sito web

Gestione Faunistica in Pillole

Clicca l'immagine per scaricare l'articolo

Capannoli:Convegno Agricoltura

Clicca l'immagine per scaricare il volantino

Siena: Nuovo Centro Servizi

Clicca per scaricare il volantino

Sport e Cinofilia 2019


Clicca l'immagine per scaricare la presentazione

9° Memorial Marcello Rabatti

Clicca per ingrandire l'immagine

IV Trofeo Valtiberina CCT

Clicca l'immagine per scaricare la presentazione

14° Trofeo Le Tegole



2° Camp. CCT Prov.GR Cinghiale

Clicca per ingrandire l'immagine

3°Trofeo CCT cani seguita coppia

Clicca per scaricare il volantino

Firenze:Corsi gratuiti Sicurezza

Clicca per scaricare il programma

CCT:Festa tradizioni Toscane

Clicca l'immagine per scaricare il regolamento

Progetto The data from the sky


Clicca l'immagine per scaricare il progetto

C. Ornitologico Porto allo Stillo

Clicca l'immagine per scaricare la presentazione

Centro Ornitologico Malpasso

Clicca l'immagine per scaricare la relazione

Conv. Naz.le progetto ANASAT

Il Colpo d’Ala

Clicca l'immagine per scaricare l'articolo

Tos Caccia


Clicca l'immagine per scaricare la presentazione

Nuove aree vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Portale Regionale GEOSCOPIO

Accesso Utenti

Confederazione Cacciatori Toscani  -  Via Benedetto Dei 19 - 50127 Firenze

Cod. Fiscale 94235190488 - confcacciatoritoscani@gmail.com