Facebook

Quelli che stiamo vivendo, sono sicuramente giorni difficili e dolorosi. Tuttavia, nonostante la proroga delle misure restrittive recentemente riconfermate dal Governo almeno fino alle festività pasquali, il Paese e soprattutto noi cittadini, possiamo concretamente auspicare una progressiva quanto graduale ripresa, delle attività nel medio periodo. Occorre pertanto continuare nell'indispensabile sforzo di reazione e volgere lo sguardo al futuro anche se, il futuro e la colossale opera di ricostruzione che inizierà una volta terminata questa fase, risentiranno profondamente dell'esperienza vissuta in questo lungo periodo di coronavirus.

Anche i cacciatori, avendo ancora una volta dimostrato all'opinione pubblica di essere cittadini a tutto tondo, gente perbene, carica di senso civico e grande solidarietà fattiva, hanno già vinto una grande battaglia in queste settimane dolorose. Le raccolte fondi per sostenere la Sanità regionale, (In Toscana 35.000 euro raccolti dalla campagna promossa dalla CCT e dalla Federcaccia Toscana, senza contare le raccolte delle sezioni locali in favore degli enti e dei presidi sanitari locali), la Protezione civile etc, hanno segnato anche nella nostra Regione, i tratti di un mondo venatorio integrato nella società, pronto a scendere in campo, anche in questa situazione di drammatica criticità.

Il coronavirus ha contemporaneamente anche messo a nudo l'enorme distacco che si palesa tra noi cacciatori e coloro che nonostante un apparente credito sociale, hanno dimostrato in una situazione di assoluta emergenza come questa, il volto del distacco e dell'evanescenza. Animalismo contro la ricerca scientifica, ed estremismo animalista in genere, escono disintegrati dalla realtà durissima in cui siamo piombati e dalle necessità e priorità che essa ha messo davanti a tutti noi.

Pensando a tutto questo, anche se verrà il tempo delle analisi e dei bilanci, siamo ancor più certi e convinti che occorre da ora in poi pensare a domani e a quando ritorneremo a caccia. Perché si, nonostante tutto a caccia ritorneremo anche in questa stagione venatoria, tra pochi mesi, tra pochi giorni, sapendone ancor più profondamente apprezzare l’intrinseco valore.

La CCT, che certamente ha dimostrato di stare in campo anche in un periodo difficile come questo, non ha mai smesso di lavorare ed impegnarsi per il futuro. Nonostante le difficoltà organizzative ed il rallentamento della socializzazione e dello scambio umano, il nostro lavoro va avanti con l’inconfutabile convinzione che solo uniti si resiste e si vince. Abbiamo da sempre sostenuto che al di là della mera propaganda e dei proclami, per un’associazione venatoria, sono gli organismi dirigenti, il gruppo di lavoro e la struttura organizzativa che contano e fanno la differenza. Il lavoro portato avanti in queste settimane ed i risultati ottenuti nonostante il momento storico senza precedenti, ne sono la prova tangibile.

E' di qualche giorno fa la notizia che le scadenze elettorali saranno prorogate al prossimo autunno. Si parla di Ottobre-Novembre come il periodo in cui saremo chiamati al voto per le prossime elezioni amministrative regionali. La legislatura pertanto, si prolunga per alcuni mesi. Potenzialmente, fino alla fine dell'estate, ci saranno i tempi necessari per concludere in Toscana, una lunga e complessa fase di riordino e riforma legislativa in materia di caccia. La nuova Legge regionale sull'attività venatoria, su cui abbiamo lavorato seriamente e puntualmente, potrà essere approvata dal Consiglio Regionale, introducendo novità positive per il nostro mondo rafforzando la certezza del diritto per le migliaia di cittadini cacciatori toscani. Nei prossimi giorni la competente Commissione consiliare proseguirà il lavoro di verifica del testo di suddetta legge, ed è seriamente ipotizzabile l'approdo definitivo in Consiglio regionale per i primi giorni di maggio.

Anche sul calendario Venatorio, il lavoro prosegue. Da un recente confronto con l'Assessore Remaschi è emersa la volontà di proseguire speditamente sull'iter di approvazione del Calendario Venatorio 2020/21. In questi giorni, la regione è impegnata nella definizione del testo e nell'iter valutativo da parte di ISPRA. Anche la nostra struttura tecnico scientifica si è messa a disposizione e sta già lavorando al fine di rafforzare con documenti e dati, la proposta definitiva di Calendario alla luce dei recenti ricorsi delle associazioni animaliste ed ambientaliste e dei ricorsi ancora pendenti. Il nostro impegno, come sempre sarà incentrato nel garantire celerità e certezza del diritto sulla base della riconferma dei contenuti del Calendario venatorio della scorsa stagione con eventuali aspetti migliorativi.

Azioni ed iniziative che seguiranno agli importanti risultati ottenuti in questi giorni sul fronte delle scadenze e delle proroghe dei pagamenti in materia venatoria. Con l'ultima delibera della Giunta regionale, i cacciatori potranno tirare un respiro di sollievo sia sotto il profilo economico (proroga pagamenti ATC al 15 giugno e tasse concessione e autorizzazione appostamenti fissi etc) ma anche per la traslazione di alcuni adempimenti burocratici che sarebbero diventati asfissianti ed inappropriati in questo momento.

Siamo infine già a lavoro, per rafforzare il nostro impegno sui servizi e sull'assistenza da fornire ai cacciatori non appena sarà possibile il ritorno alla normalità. Già pronto il nuovo calendario dei futuri corsi di formazione ed abilitazione nelle varie discipline e per quelli riguardanti i nuovi cacciatori per consentire una adeguata preparazione alla prima prova di esame prevista per la metà di giugno, salvo eventuali slittamenti causati da questa situazione.

Anche i nostri uffici e quelli delle varie associazioni confederate, rimarranno a disposizione a livello centrale e nelle varie realtà territoriali, per ogni richiesta informazione e assistenza ai cacciatori con numeri dedicati e la modalità di lavoro agile.

Con l'ottimismo della ragione non ci siamo mai persi d'animo e oggi più che mai intendiamo andare avanti incuranti delle polemiche che taluni continuano a riproporre e con la testa e le sguardo al domani. Da parte nostra, oggi più che mai, ritorna forte la convinzione che anche il mondo venatorio e l'associazionismo di settore debba trarre un profondo insegnamento da questi giorni bui e dolorosi. Occorre cambiare pelle e riformare la rappresentanza dei cacciatori in un nuovo autorevole soggetto unitario, uscendo dalle secche delle formule del passato, che anche in questa occasione, hanno dimostrato la loro totale inadeguatezza e inutilità per il futuro e la legittimità della nostra passione.

 

Già nei giorni scorsi avevamo segnalato un'altra fake news a tema venatorio. 

Riportiamo anche questa con la raccomandazione di non divulgare notizie di dubbia provenienza, soprattutto in questo momento, e di affidarvi ai canali d'informazione ufficiali anche per le notizie riguardanti la nostra passione.

In caso di eventuali dubbi su eventuali notizie non esitate a contattarci tramite i nostri canali comunicativi.

Giunge oggi a conclusione la campagna di raccolta fondi promossa dalla Confederazione Cacciatori Toscani e dalla Federcaccia Toscana a supporto del SSR nella battaglia contro il coronavirus. Vogliamo ringraziare nuovamente tutti coloro che hanno deciso di aderire a questa iniziativa, facendo sentire la propria vicinanza al personale sanitario che da oltre un mese sta’ affrontando questa drammatica criticità. Sono state e continuano ad essere anche molteplici le raccolte fondi e le donazioni di singoli ed associazioni locali (CCT provinciali, CCT comunali, Sezioni locali di associazioni confederate, squadre di caccia al cinghiale Etc.), in favore delle strutture e del personale dei presidi territoriali, quindi non ricadenti all’interno della raccolta fondi regionale. In buona sostanza il nostro grazie vuole veramente andare a tutti coloro che hanno sentito il dovere, in questo drammatico momento, di fare qualcosa per la collettività. Auspichiamo di cuore che una volta che questo momento sarà passato la società sappia guardare la caccia ed i cacciatori con occhi diversi. E’ in momenti come questo che l’unità assume il suo significato più profondo. Lottando lontani ma uniti come società e come popolo supereremo anche questo momento e noi cacciatori potremo dire orgogliosamente di aver fatto la nostra parte.

Nel pubblicare di seguito l’elenco delle strutture locali e dei singoli soci che hanno aderito direttamente alla campagna regionale toscana, vogliamo ricordare che per chi non fosse ancora riuscito a donare ma volesse comunque farlo, resta attiva la raccolta fondi indetta dalla Federcaccia Nazionale, finalizzata a sostenere la ricerca di un vaccino contro il COVID.19.
Nel volantino di seguito trovate le coordinate bancarie riferite a questa iniziativa. I nostri uffici rimangono comunque a disposizione dei soci tramite le modalità di lavoro agile in caso di necessità.

Si ringraziano:

Confederazione Cacciatori Toscani Regionale
Federcaccia Toscana Regionale
Anuu migratoristi Regionale
Associazione Regionale Cacciatori Toscani Regionale
Ente Produttori Selvaggina Regionale
CCT Provinciale Livorno
CCT Provinciale Grosseto
CCT Provinciale Arezzo
CCT Comunale Gavorrano
CCT Comunale Massa Marittima
Sezione Provinciale Federcaccia Pistoia
Sezione Provinciale Federcaccia Livorno
Sezione Provinciale Federcaccia Siena
Sezione Provinciale Federcaccia Firenze
Sezione Provinciale Federcaccia Massa e Carrara
Sezione Provinciale Federcaccia Lucca
Sezione Provinciale Federcaccia Pisa
Sezione Provinciale Federcaccia Arezzo
Sezione Provinciale ARCT Grosseto
Sezione Provinciale ARCT Livorno
Sezione Provinciale Anuu migratoristi Livorno
Sezione Comunale Federcaccia Cecina
Sezione Comunale Federcaccia Bibbona
Sezione Comunale Federcaccia Castagneto Carducci
Sezione Comunale Federcaccia San Vincenzo
Sezione Comunale Federcaccia Piombino
Sezione Comunale Federcaccia Rio nell'Elba
Sezione Comunale Federcaccia Venturina
Sezione Comunale Federcaccia Serrazzano
Sezione Comunale Federcaccia Vico Pisano
Sezione Comunale Federcaccia Panzano
Sezione Comunale Federcaccia Strada-Capannoli
Sezione Comunale Federcaccia Marciana marina
Sezione Comunale Federcaccia Figline Valdarno
Sezione Comunale Federcaccia Pistoia
Sezione Comunale Federcaccia Strada in Chianti
Sezione Comunale Federcaccia Empoli
Sezione Comunale Federcaccia Agnano
Sezione Comunale Federcaccia Vicchio
Sezione Comunale Federcaccia Villore
Sezione Comunale Federcaccia Greve in Chianti
Sezione Comunale Federcaccia Rosignano Marittimo
Sezione Comunale Federcaccia Canneto
Sezione Comunale Federcaccia Pisa
Sezione Comunale Federcaccia Barberino di Mugello
Sezione Comunale Federcaccia Dicomano
Sezione Comunale Federcaccia Montaione
Sezione Comunale Federcaccia Rifredi
Sezione Comunale Federcaccia Rignano Rosano
Sezione Comunale Federcaccia Palazzuolo sul Senio
Sezione Comunale Federcaccia Calenzano
Sezione Comunale Federcaccia Malmantile
Sezione Comunale Federcaccia Marti
Sezione Comunale Federcaccia Micciano
Sezione Comunale Federcaccia Crespina
Sezione Comunale ARCT Cecina
Sezione Comunale ARCT Rosignano
Sezione Comunale ARCT Bibbona
Sezione Comunale ARCT Castagneto Carducci
Sezione Comunale ARCT Piombino
Sezione Comunale ARCT Venturina
Sezione Comunale Anuu migratoristi Castagneto Carducci
Comitato Cacciatori Sassetta
Club Italiano del Colombaccio Sezione Firenze
Club Italiano del Colombaccio Sezione Valdarno Aretino
Terfiro Innocenti, Giovanni Ernesto Grigolo, Luciano Monaci, Alessandro Frosini, Mauro Bracci, Gloria Zerini, Bruno Rossi, Mirco Bianchi, Marco Radi, Mauro Bianchi, Alberto Ratti, Andrea Landi, Marco Marescalchi, Mauro De Angelis, Luca Bisconti, Sandro Mariotti, Francesco Fontanelli, Fabrizio Gazzarri, Claudio Palla, Giampaolo Mugnaini, Paolo Cerdini, Antonio Scarselli, Domenico Cricrì, Alessio del Lungo, Claudio Ferrandi, Luigi Zazzeri;

Scarica il volantino della raccolta fondi "Vaccino nel mirino"

Allegati:
Scarica questo file (Volantino vaccino nel mirino.jpg)Volantino vaccino nel mirino.jpg[ ]101 kB

Come da noi precedentemente anticipato, questo pomeriggio la Giunta Regionale Toscana, ha approvato una importante delibera inerente alla proroga di una serie di adempimenti e pagamenti, relativi all'esercizio venatorio.

Si tratta di una decisione importante e tempestiva in relazione alla situazione che sta attraversando il Paese e per gli effetti introdotti dalle varie misure restrittive sul coronavirus.

Nello specifico, riportiamo i contenuti più importanti della delibera:

  • Vengono prorogati i pagamenti per l'iscrizione all'ATC di residenza venatoria o ulteriore ATC dal 15 maggio al 15 giugno 2020.Per i pagamenti relativi alla variazione dell'ATC di residenza venatoria in altro ATC (art. 7 comma 2 DPGR 48/R 2017) si passa dal 31 marzo alla data ultima del 15 giugno;
  • Novità importanti anche per le nuove richieste di concessione per gli appostamenti fissi. Per tale casistica viene introdotta la proroga dal 31 marzo al 15 giugno 2020;
  • Gli adempimenti per l'iscrizione dei cacciatori nel registro regionale delle squadre per la caccia al cinghiale in battuta (art. 73 comma 7 DPGR 48/R) vengono spostati dal 31 maggio al 15 giugno 2020;
  • Infine si prevede la possibilità di inizio della prima sessione degli esami per l'abilitazione all'esercizio venatorio, dal 30 aprile al 15 giugno.

In allegato riportiamo i contenuti della delibera approvata in data odierna rimanendo a disposizione per ogni chiarimento o delucidazione.

La Confederazione Cacciatori Toscani, vuole infine esprimere soddisfazione, ringraziando l'impegno mantenuto dall' Assessore Marco Remaschi per questo importante risultato che coglie una reale esigenza di tutti i cacciatori in una fase estremamente delicata come quella che tutti i cittadini stanno attraversando.

Di seguito scaricabile delibera approvata:

Nonostante l'ottimo risultato della prima parte della raccolta fondi organizzata dalla Federcaccia Toscana e dalla Confederazione Cacciatori Toscani, che ha portato ad una donazione di 35.000 euro devoluti ad Estar per supportare il SSR nella lotta al cornavirus, la campagna di raccolta fondi continua.

L'emergenza è tutt'altro che finita quindi dobbiamo fare il possibile per continuare a sostenere chi lotta tutti i giorni per noi!

Sono molte le sezioni delle associazioni aderenti alla Confederazione ed i singoli soci che ci contattano non essendo riusciti a contribuire alla prima donazione. Pertanto confermiamo che è sempre possibile donare attraverso bonifico bancario intestato a:

FEDERCACCIA TOSCANA
IBAN: IT52Z0103002844000001528412
CAUSALE: CACCIATORI INSIEME PER L'ITALIA
FILIALE: Montepaschi Siena agenzia 45

I nostri uffici restano a disposizione tramite contatto remoto a fornire tutti i chiarimenti del caso per facilitare le modalità di esecuzione.

Resta un piccolo gesto, ma con un grande significato.

#unitisivince
#iorestoacasa
Regione Toscana

Nei giorni scorsi avevamo chiesto all’Assessore regionale Marco Remaschi di valutare, in ottemperanza all’ultimo DPCM contenente le norme restrittive e limitazioni da adottare per contrastare il coronavirus, di valutare la necessità di giungere ad una proroga generale inerente le scadenze amministrative correlate all’attività venatoria ricadenti in questo periodo.

A tale proposito l’Assessore ci ha confermato la sua intenzione di presentare durante la prossima giunta regionale, l’atto amministrativo che confermerà tali proroghe e le successive modalità operative che dovranno essere adottate.

La Confederazione Cacciatori Toscani nel prendere atto positivamente di quanto sopra riportato si riserva di fornire ulteriori e più chiare notizie in merito ai dettagli una volta che l’atto che sarà approvato.

Restiamo sbigottiti nell’apprendere quanto dichiarato ieri durante la trasmissione del programma radiofonico “La Zanzara” di radio 24, condotto da Giuseppe Cruciani, da Paolo Mocavero, noto Leader dell’associazione 100 per 100 animalisti.

Durante il corso dell’intervista dal consueto taglio pungente ed incalzante, il conduttore fa notare all’intervistato che tra i necrologi causati dal Coronavirus nella città di Bergamo vi sono anche... alcuni cacciatori.

A questa affermazione risponde così Mocavero:

- “E chi se ne fotte. Non me ne frega niente, dov’è il problema? Per le altre persone mi dispiace un sacco, massimo rispetto. Dei cacciatori morti non me ne frega niente. Il cacciatore è un uomo di merda. Se muore, io godo. Devono morire tutti, sti pezzi di merda. Voi dite quello che volete, io dico quello che penso”.

- “Ma vorresti che morissero tutti di coronavirus, domanda ancora Cruciani?: "

- “Magari, questa sarebbe una gran bella cosa. Per tutte le altre persone sono dispiaciuto come te, come altri animalisti. Dei cacciatori me ne sbatto i coglioni, devono morire tutti”.

- “Dunque saresti contento se il virus uccidesse in maniera selettiva tutti i cacciatori.. Prosegue Cruciani;”

- “Sarebbe un colpo al superenalotto, una botta di culo mai vista”.

- “ I cacciatori potrebbero fare lo stesso ragionamento con te:”

- “Assolutamente. Sono liberi di pensarlo e ci mancherebbe altro. Il mio non è odio. Gli animalisti al contrario dei cacciatori salvano le vite, non le tolgono. Sono due cose un po’ diverse. Se crepa un cacciatore vuole dire che animali vivono, quindi il cacciatore può andarsene affanculo. Se muore me ne sbatto i coglioni”.

- “Ma alcune associazioni hanno fatto delle donazioni per combattere il virus, voi cosa avete fatto? Fa’ notare Cruciani;”

- “Hanno fatto questa donazione per ripulirsi l’immagine di merda che hanno. E poi non saranno soldi loro, ricevono un sacco di sovvenzioni. Così sono buoni tutti”

Rimane davvero difficile commentare tutto questo soprattutto in un momento di estrema difficoltà per il nostro Paese e per il Mondo intero, quando migliaia di persone stanno perdendo la vita a causa del Coronavirus. Nonostante tutto il mondo venatorio italiano si è impegnato e si sta’ tutt’ora impegnando in molteplici raccolte fondi per supportare il SSN, i SSR, la protezione civile e le singole strutture, in questa dura battaglia. Ad ora oltre un milione di euro è stato donato dai cacciatori italiani, che senza esitare hanno risposto prontamente a questa crisi.

Siamo fieri di essere cittadini cacciatori e di poter aiutare, nel nostro piccolo, chi sta’ combattendo per noi; al di la’ delle calunnie e delle illazioni NOI stiamo facendo la nostra parte per il bene di tutti.

Ci riserviamo inoltre di valutare nelle sedi opportune, anche a livello nazionale, le dichiarazioni fatte durante suddetta intervista.

In queste ore sta girando sui social la BUFALA sulla chiusura della caccia per la prossima stagione venatoria a causa del coronavirus.

RIBADIAMO CHE LA NOTIZIA E' FALSA!!

Probabilmente si tratta di uno scherzo messo in atto dai soliti gruppi anticaccia, per seminare incertezza in una situazione di per se' gia' drammatica.

Per le informazioni riguardanti l'attività venatoria vi preghiamo di ritenere attendibili solo quelle diffuse dai canali ufficiali, e di evitare di diffondere materiale di dubbia provenienza.

 

Grande successo per la raccolta fondi organizzata da Federcaccia Toscana e Confederazione Cacciatori Toscani

Si conclude oggi la campagna di raccolta fondi iniziata lo scorso 12 Marzo, promossa dalla Federcaccia Toscana e dalla Confederazione Cacciatori toscani per aiutare il SSR Toscano nella lotta contro il COVID19. La risposta dei cacciatori toscani a questo appello è stata quanto mai pronta e concreta. Oltre a quelle degli organismi regionali appunto di Federcaccia Toscana e CCT, sono state numerosissime e cospicue le donazioni delle confederazioni provinciali, delle sezioni provinciali e comunali delle associazioni aderenti alla CCT, dei club specialistici e dei singoli soci che in questo delicato momento hanno voluto fare la loro parte.

Questa mattina è stato eseguito un bonifico bancario di 35.000 euro intestato ad ESTAR TOSCANA, l’ente di supporto tecnico-amministrativo regionale dedicato al supporto del SSR che, per meglio affrontare questa situazione di criticità, ha messo a disposizione un proprio numero di conto corrente dedicato alla raccolta di denaro per fronteggiare questa emergenza. I fondi raccolti saranno utilizzati per acquistare farmaci, dispositivi medici, dispositivi di protezione individuale e attrezzature sanitarie indispensabili a combattere il CORONAVIRUS.

E’ soprattutto nel momento del bisogno che si deve essere uniti e noi in questo ci crediamo fermamente come cittadini e cacciatori. Al di là delle mere parole sono i fatti che contano, ed in questo periodo storico unico i cacciatori toscani hanno dimostrato avere a cuore l’intera collettività.

E’ davvero dal cuore quindi che vogliamo ringraziare sentitamente tutti coloro che in questo momento stanno combattendo in prima linea questa battaglia; medici, Infermieri e tutto il personale sanitario che con abnegazione e mettendo a repentaglio la propria vita ogni giorno combatte per far fronte a questa pandemia. Ringraziamo anche le istituzioni per il grande lavoro di riorganizzazione d’urgenza che hanno fatto e che stanno continuando a fare ben consapevoli che in un momento del genere non è certo facile “fare delle scelte”.

Infine ringraziamo tutti i soci che direttamente o indirettamente hanno contribuito al successo di questa campagna, dimostrando ancora una volta che i cacciatori sono “gente per bene”, concreta con a cuore il futuro di tutti.

La Confederazione Cacciatori Toscani ha richiesto questa mattina all'assessore regionale Marco Remaschi di attivarsi in merito alla proroga di tutte le scadenze correlate all'esercizio dell'attività venatoria che ricadono in questo periodo.

L'assessore si è impegnato a trovare le modalità esecutive di suddetta proroga in ottemperanza all'ultimo decreto del presidente del consiglio che, nella sua impostazione generale, già prevedeva lo spostamento di determinate scadenze.

Vi terremo informati non appena saranno pubblicati atti ufficiali in merito.

   

     
  Toscana   Sez. Firenze                                      

     

Gross.:la solodarietà non si ferma


CEDAF


Clicca l'immagine per accedere al sito

Life Perdix

Clicca l'immagine per collegarti alla Pagina Facebook


News Locali

GROSSETO: DALLE SQUADRE DI CACCIA AL CINGHIALE 3.150 EURO PER L'OSPEDALE DI GROSSETO

Le squadre di caccia al Cinghiale di Grosseto hanno voluto manifestare la loro vicinanza a quanti stanno lavorando per difendere tutta la comunità dalla pandemia causata dal Coronavirus, facendo una donazione di 3.150 Euro all' Ospedale di Grosseto.
Le squadre di caccia al Cinghiale che hanno partecipato alla donazione sono le seguenti: Il Leccio n.65, Prata n. 129, Boccheggiano n. 156, Valpiana - Capanne n. 143, Follonica n. 80, Montebamboli n. 16, Zanicchi n. 92, Il Vivoli - Ranieri n. 19, Perolla - Il Fontino n. 21, Vampa - Ribolla n. 66, Massa - Niccioleta n.9, Montebamboli - Marsiliana n. 96, Montieri n. 23, Bagno di Gavorrano n. 123, Grilli - Puntone n.134, Volpi n. 121, La Stima n. 31, Gerfalco n.151. 

La Confederazione Cacciatori Toscani plaude all'ennesimo gesto concreto di solidarietà, rivolto a tutta la società, da parte del mondo venatorio.

Allegati:
Scarica questo file (Bonifico Donazione Covid-19.jpg)Bonifico Donazione Covid-19.jpg[ ]149 kB

POMARANCE E CASTELNUOVO VAL DI CECINA: DALLE SQUADRE DI CACCIA AL CINGHIALE 1.900 EURO PER L'AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA PISANA

Le squadre di caccia al Cinghiale dei Comuni di Pomarance e Castelnuovo Val di Cecina hanno voluto manifestare la loro vicinanza a quanti stanno lavorando per difendere tutta la comunità dalla pandemia causata dal Coronavirus, facendo una donazione di 1.900 Euro all' Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana.
Le squadre di caccia al Cinghiale che hanno partecipato alla donazione sono le seguenti: Taro, Micciano, Libbiano, Montecastelli, Cinghialai di Serrazzano, Montegemoli, La Corte - Fontebagni, Lagoni Rossi, San Dalmazio e Gesseri - La Casa.

La Confederazione Cacciatori Toscani plaude all'ennesimo gesto concreto di solidarietà, rivolto a tutta la società, da parte del mondo venatorio.

Allegati:
Scarica questo file (BONIFICO Donazione COVID-19.pdf)BONIFICO Donazione COVID-19.pdf[ ]27 kB

Caccia Magazine

Clicca l'immagine per accedere al sito web

Marzo 2020: Inizio nuova era?

Clicca l'immagine per scaricare il volantino

Gestione Faunistica in Pillole

Clicca l'immagine per aprire l'articolo

CONTATTI STRUTTURA LEGALE

Clicca per scaricare il volantino

Siena: Nuovo Centro Servizi

Clicca per scaricare il volantino

Sport e Cinofilia 2020


Clicca l'immagine per scaricare la presentazione

Progetto The data from the sky


Clicca l'immagine per scaricare il progetto

PROGETTO MORIGLIONE

Clicca l'immagine per scaricare la presentazione

SOS Pavoncella 2019

Clicca per scaricare il modulo di raccolta dati

C. Ornitologico Porto allo Stillo

Clicca l'immagine per scaricare la presentazione

Centro Ornitologico Malpasso

Clicca l'immagine per scaricare la relazione

Conv. Naz.le progetto ANASAT

Il Colpo d’Ala

Clicca l'immagine per scaricare l'articolo

Tos Caccia


Clicca l'immagine per scaricare la presentazione

Nuove aree vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Portale Regionale GEOSCOPIO

Accesso Utenti

Confederazione Cacciatori Toscani  -  Via Benedetto Dei 19 - 50127 Firenze

Cod. Fiscale 94235190488 - confcacciatoritoscani@gmail.com