Facebook

Abbiamo già rilevato come le procedure messe in atto dagli uffici regionali per la rendicontazione del prelievo in deroga sulla specie Storno, appaiono estremamente macchinose e di difficile applicazione da parte dei singoli cacciatori in possesso del tesserino venatorio cartaceo.

Su questo argomento, è già stata programmata per il prossimo lunedì 28 ottobre uno specifico tavolo tra associazioni venatorie e regione per valutare le eventuali modifiche a tali disposizioni.

Pur rimanendo convinti della necessità di approntare profondi correttivi alle procedure individuate, abbiamo ritenuto necessario fornire comunque in questa prima fase, un servizio di assistenza centralizzato per garantire a tutti gli interessati il rispetto delle scadenze previste dalla delibera n° 1054 del 27/07/2020 (prima comunicazione capi abbattuti martedì 29 settembre).

Per tutte le informazioni di invio e trasmissione dei dati, i cacciatori interessati potranno rivolgersi alle sedi provinciali delle Associazioni Confederate e alla sede regionale della Confederazione Cacciatori Toscani.

Il Ministero dell’ Interno torna nuovamente sul tema della validità delle autorizzazioni di pubblica sicurezza.

La nuova circolare del 21 settembre 2020 pubblicata dal Ministero dell’Interno contiene indicazioni sulle proroghe relative alla legge 17 luglio 2020 n. 77 di conversione, con modificazioni, del D.L. 19 maggio 2020 n. 34 ed il D. L. 30 luglio 2020 n. 83 (proroga dello stato di emergenza al 15 ottobre 2020).

In tale circolare si dispone che:

Le autorizzazioni e le abilitazioni assoggettate alla legislazione di pubblica sicurezza (tra cui il porto d’armi uso caccia) scadute tra il 31 gennaio e il 31 luglio 2020, con l’intervenuta proroga dello stato di emergenza fino al 15 ottobre 2020, conservano la loro validità per i 90 giorni successivi a tale data e, quindi, scadranno il prossimo 13 gennaio 2021, e non più, come precedentemente indicato, il 29 ottobre 2020

Nulla cambia per i porto d’armi scaduti dal 1 agosto 2020 in poi.

Di seguito scaricabile la circolare del Ministero dell’ Interno:

Nonostante le numerose richieste e sollecitazioni per conoscere le modalità operative di rendicontazione dei capi della specie Storno abbattuti in regime di deroga, per i cacciatori che non hanno optato per la scelta del tesserino venatorio digitale App Toscaccia, solo questa mattina, a pochi giorni dalla prima data obbligatoria (martedì 29 settembre 2020) per la rendicontazione dei capi stessi di cui alla delibera n° 1054 del 27/07/2020, i competenti uffici regionali hanno comunicato che la scheda informatica (form) da compilare per la trasmissione dei dati di abbattimento è finalmente on-line.

Leggendo le disposizione e gli adempimenti da effettuare per una corretta trasmissione dei dati, non ci resta che esprimere la nostra più totale contrarietà oltreché sconcerto per le modalità previste.

Un iter procedurale inapplicabile!

Per quanto sopra descritto, riteniamo necessario ed inderogabile un immediato superamento di tali cervellotiche disposizioni, per garantire certezza del diritto ai cacciatori, consentendo nel contempo alle Associazioni Venatorie la possibilità di assicurare un servizio ed un supporto adeguato.

Per tali ragioni chiediamo un immediato tavolo di concertazione al nuovo governo regionale al fine di intervenire immediatamente per superare questa incresciosa e paradossale situazione oltreché una proroga dei tempi di rendicontazione previsti dalla delibera n°1054 del 27.07.2020.

Eugenio Giani è stato eletto come nuovo Presidente della Regione Toscana al termine di una accesa campagna elettorale.

L’augurio che rivolgiamo al Presidente Giani è quello di impegnarsi da subito sulle principali urgenze e priorità che afferiscono all’attività faunistico - venatoria in Toscana.

Il nuovo Piano Faunistico Venatorio, i regolamenti attuativi alla nuova legge regionale sulla caccia e le sfide innovative che dovremo affrontare nello scenario europeo della modifica delle politiche agricole comunitarie, rappresentano alcune delle principali tappe di una legislatura particolarmente importante per il rilancio della cultura rurale e venatoria e della gestione faunistica nella nostra regione.

Un lavoro già avviato nella precedente legislatura e che ora dovrà essere portato a compimento dichiara Marco Romagnoli – Segretario della Confederazione Cacciatori Toscani.
Romagnoli all’unisono con i presidenti regionali delle Associazioni Confederate, Marco Salvadori – Federcaccia Toscana, Franco Bindi – Anuu migratoristi, Francesco Rustici – ARCT, ha ribadito la necessità di ristabilire una prassi di ascolto e concertazione con i corpi intermedi sulla materia, auspicando la rapida formazione della nuova Giunta Regionale per avviare da subito il confronto su questi ed altri temi di interesse venatorio.

Confronto e ascolto che la CCT porterà avanti con tutte le forze politiche presenti in Consiglio Regionale.

La crescita culturale del cacciatore passa anche dalla conoscenza delle buone pratiche di soccorso per i cani da caccia, per questo, il gruppo delle Cacciatrici Federcaccia di Grosseto, guidato per l’occasione da Laura Galli e il suo giovanissimo staff caldanese, ha organizzato ieri sera un interessantissimo evento divulgativo.

Sulla scorta del lavoro della Dott.sa Daniela Pastorino, che ha redatto per Federcaccia Nazionale un piccolo opuscolo “Guida pratica di primo soccorso vetarinario”, il Dott. Luca Rossi ha brillantemente costruito l’argomentazione della serata cercando di rendere comprensibile a tutti una trattazione corredata da numerosi tecnicismi.

Nella splendida cornice offerta dal giardino dell’agriturismo Montebelli, in assoluta sicurezza e osservanza delle normative anti-covid, sono stati trattati i vari punti della guida con grande partecipazione del pubblico, che ha dimostrato molto interesse e curiosità.

Alla fine della serata le cacciatrici hanno consegnato degli attestati di partecipazione a tutti i partecipanti e altro materiale divulgativo oltreché dei kit di pronto soccorso assieme ad altri gadget,  gentilmente prodotti e offerti da Alfa-tec di Grosseto e dalla farmacia del Dott. Andrea Bartolozzi.

Da segnalare che oltre la metà dei partecipanti alla serata non erano cacciatori.

Questo rappresenta un aspetto importante, che centra la volontà della Confederazione dei Cacciatori Toscani di aprirsi alla società moderna, presentando la qualità, la competenza e l’organizzazione del mondo venatorio, che troppo spesso passa in secondo piano.

A degna conclusione l’ottima apericena preparata dallo staff dell’Agriturismo Montebelli di Caldana e servita nei suoi splendidi locali all’aperto.

Di seguito alcuni scatti dell' iniziativa:

Allegati:
Scarica questo file (Foto 1.jpg)Foto 1.jpg[ ]463 kB
Scarica questo file (Foto 2.jpg)Foto 2.jpg[ ]176 kB
Scarica questo file (Foto 3.jpg)Foto 3.jpg[ ]368 kB
Scarica questo file (Foto 4.jpg)Foto 4.jpg[ ]163 kB
Scarica questo file (Foto 5.jpg)Foto 5.jpg[ ]320 kB
Scarica questo file (Foto 6.jpg)Foto 6.jpg[ ]296 kB

La campagna elettorale per le imminenti elezioni regionali sta per entrare nella fase più accesa e decisiva tra i vari schieramenti e candidati in campo.

Il tema della caccia continua ad alimentare il dibattito politico e le posizioni, talvolta estremamente differenziate, che caratterizzano l’approccio culturale e programmatico dei vari candidati alla presidenza e delle liste ad essi collegate.

La Confederazione Cacciatori Toscani, pur riaffermando la propria autonomia, in questa delicata fase di partecipazione democratica dei cittadini nella scelta dei propri rappresentanti per il prossimo governo regionale, non ha rinunciato e non rinuncerà a svolgere un ruolo attivo nei confronti della politica e delle istituzioni, su quelli che riteniamo i principali aspetti e proposte, della prossima legislatura.

A differenza di chi nel mondo venatorio professa ogni giorno la propria marginalità, la CCT, si sente parte pulsante di un mondo che non rinuncia a battersi per una prospettiva per la caccia in Toscana e per la difesa dei diritti e della dignità di tutti i cacciatori.

A tal proposito vogliamo segnalare una importante iniziativa promossa dalla CCT Pisana venerdì 11 settembre alle ore 21:00 presso la terrazza del circolo “La Catena” a San Miniato (PI).

Il titolo e le premesse sono già un programma: La caccia una risorsa per la Toscana e dei suoi territori.

La serata vedrà la partecipazione e l’intervento dei Capi Lista o rappresentanti da loro delegati dei vari schieramenti politici nel rispetto della pluralità e delle posizioni. 

L’incontro ha lo scopo di ravvivare il confronto con la Politica attraverso il contributo dei Presidenti regionali delle Associazioni confederate.

Concluderà i lavori il Segretario Regionale CCT Marco Romagnoli.

Per facilitare e consentire la più ampia diffusione di questo significativo incontro sarà prevista la diretta streaming sulla pagina facebook CCT-Confederazione Cacciatori Toscani.

Di seguito scaricabile il programma dell'iniziativa:

Nella seduta dello scorso 7 settembre 2020 la Giunta Regionale Toscana ha approvato gli schemi di accordo di reciprocità per l’interscambio dei cacciatori con le Regioni Lazio e Umbria per la stagione venatoria 2020/2021.

Ai fini di una utile informazione per i cacciatori interessati e per la conoscenza dei meccanismi relativi alle modalità di interscambio tra le tre regioni interessate, pubblichiamo il testo integrale della delibera ed i relativi allegati:

Legittimo il prelievo delle specie Tortora e Combattente

Il TAR Toscano sezione II° ha emanato in data 8 settembre 2020 l’ordinanza inerente il ricorso presentato dalle associazioni animaliste ed ambientaliste, su alcune parti del Calendario Venatorio 2020/21 della Regione Toscana.

L’oggetto del ricorso, riguardava in particolare la richiesta di sospensiva per il prelievo venatorio della specie Moriglione e Pavoncella, del Combattente e della Tortora in pre-apertura.

Nel suo pronunciamento il Tar ha accolto la richiesta di sospensiva della caccia per le specie Moriglione e Pavoncella, mentre ha ritenuto di non accogliere l’istanza sulla legittimità del prelievo della specie Combattente e per quanto attiene la Tortora nelle giornate di pre-apertura.

 In particolare sulla Tortora, i giudici hanno rilevato corretta la procedura seguita dalla Regione Toscana sulla seconda delibera n° 451 emanata il 31.08.2020 che come noto, aveva riportato il carniere giornaliero da 12 a 5 capi.

Inoltre, si evidenzia come non siano state  accolte in questa sede, le argomentazioni inerenti la “mancata predisposizione di adeguati piani faunistico-venatori da parte delle Amministrazioni competenti” nei riferimenti alle raccomandazioni espresse dal Ministero Ambiente e da ISPRA sulla non cacciabilità della specie Tortora.

Elementi questi ultimi che potranno essere considerati positivamente per il proseguo del prelievo della Tortora ed il mantenimento della caccia in pre-apertura.

Rimaniamo comunque in attesa del pronunciamento da parte del Consiglio di Stato per quanto riguarda le specie oggetto di sospensiva e per la definizione dei limiti inerenti il calcolo dell’arco temporale consentito.

Nel merito della sospensiva sui punti di cui sopra, il TAR Toscano si esprimerà il prossimo 28 Aprile 2021.

La Confederazione Cacciatori Toscani nel giudicare contradditorio questo pronunciamento rispetto anche ai recenti atti del TAR Marche con la sentenza n°494 del 31.07.2020, ritiene necessario proseguire la battaglia nelle sedi opportune a difesa dei diritti e delle ragioni di tutti i cacciatori.

Di seguito scaricabile l'ordinanza:

   
     

     

LIVE CHAT


Grosseto Informa


CEDAF


Clicca l'immagine per accedere al sito

Life Perdix

Clicca l'immagine per collegarti alla Pagina Facebook


News Locali

FIRENZE - CONSEGNA DEI TESSERINI VENATORI: UN’ESPERIENZA POSITIVA, UN SERVIZIO UTILE PER I CITTADINI.

Con particolare soddisfazione sono lieto di poter dire che si è rafforza la Convenzione inizialmente stipulata a far data dal 2017, con validità triennale, fra il Comune di Firenze e le Associazioni Venatorie locali per supportare l’Amministrazione Comunale nello svolgimento dell’attività di consegna e ritiro dei tesserini venatori presso le URP tramite il sostegno di soci volontari delle Associazioni che fanno parte della Confederazione Cacciatori Toscani e non solo.

Leggi tutto...

PROVE DI LAVORO: UN COGNOME UNA GARANZIA

Nello scenario dell’Isola d’Elba, sotto l’impeccabile organizzazione di Paolo Cappellini e Silvia Viviani della CCT di Livorno con la collaborazione degli abitanti del posto nel weekend del 22 e 23 febbraio si è svolta la 4° edizione del Trofeo Orzati.
Pasquale Orzati era un cinofilo e cacciatore molto amato e rispettato nella zona. Il suo carissimo amico Marcello Bellini l’ho ricorda con grande gioia e con un grande vuoto nel cuore.
Alla premiazione era anche presente il figlio di Pasquale che ha reso ancora più emozionante e indimenticabile questa manifestazione.

L’articolo prosegue a pagina 8 del numero 65 di “Cinghiale & Cani” in edicola.

Allegati:
Scarica questo file (cinghiale_elba1.jpg)cinghiale_elba1.jpg[ ]330 kB
Scarica questo file (cinghiale_elba2-1000x550.jpg)cinghiale_elba2-1000x550.jpg[ ]149 kB

Caccia Magazine

Clicca l'immagine per accedere al sito web

Luglio 2020: Star dietro al mondo

Clicca l'immagine per scaricare il volantino

Gestione Faunistica in Pillole

Clicca l'immagine per aprire l'articolo

CONTATTI STRUTTURA LEGALE

Clicca per scaricare il volantino

Siena: Nuovo Centro Servizi

Clicca per scaricare il volantino

Il Colpo d’Ala

Clicca l'immagine per scaricare l'articolo

Tos Caccia


Clicca l'immagine per scaricare la presentazione

Nuove aree vocate al Cinghiale


Clicca qui per visionare le nuove aree vocate al Cinghiale

Portale Regionale GEOSCOPIO

Accesso Utenti

Confederazione Cacciatori Toscani  -  Via Benedetto Dei 19 - 50127 Firenze

Cod. Fiscale 94235190488 - confcacciatoritoscani@gmail.com